Mi presento

 Aldo Guastafierro

Biografia

Ho 56 anni e sono originario della provincia di Napoli.

Sposato con Lucia insegnante di lingua inglese in una scuola media del territorio e padre di due ragazzi, Sara ( laureata in filosofia) e Mattia (laureato in lettere moderne).

Lavoro come Insegnante di laboratorio di informatica presso l’IIS Falcone-Righi di Corsico.

Abito a Cesano Boscone dal 1988 e qui ho deciso di vivere e far crescere i miei figli.

Nel 1984, all’età di appena 22 anni, mi sono trasferito a Milano dove ho iniziato a lavorare come tecnico di laboratorio all’ITIS E. Conti.

Dal 1987 sono docente di ruolo di laboratorio di informatica presso l’istituto Righi di Corsico.

Inoltre ho svolto diverse attività di formatore sia in corsi di aggiornamento del personale docente dei nell’ambito Fondi Sociali Europei. Ho progettato corsi FSE di informatica per la formazione ed integrazione lavorativa di soggetti svantaggiati.

La politica

Sin da giovane la passione per la politica è stata sempre una delle mie caratteristiche e prerogative. E anche dopo essermi stabilito a Cesano Boscone, decisi di addentrarmi più a fondo nella vita politica e sociale del mio paese, sempre ispirato dai profondi valori originari di onestà e servizio per la comunità in cui vivo.
Dal 1999 ad oggi sono iscritto alla Federazione dei VERDI, mantenendo coerentemente la mia indole ecologista anche nei momenti di difficoltà del mio partito. Oggi più che mai i valori dell’ecologismo e dell’ambientalismo sono attuali e il tema della conversione ecologica della società è una necessità impellente.

Nel 1999, alle mie prime elezioni, sono entrato nel consiglio comunale di Cesano dove ho ricoperto la carica di presidente della Commissione territorio e ambiente. La mia seppur breve esperienza in consiglio comunale (Luglio 1999 – febbraio 2000) è stata caratterizzata da importantissimi OdG approvati dall’allora maggioranza consiliare: Cesano Boscone comune Free OGM e la richiesta di istituire le mense biologiche nelle scuole cesanesi.

Da marzo 2000 fino a maggio 2004 e poi dal 2004 al 2009 ho, invece, ricoperto il ruolo di assessore alle politiche giovanili e deleghe agli asili nidi.

In quegli anni la mia esperienza si è caratterizzata in particolare nell’ambito giovanile, avviando diversi progetti in favore dei giovani del territorio e ampliando l’offerta dei centri di aggregazione giovanile e da attività di prevenzione del disagio giovanile con interventi mirati per favorire l’integrazione sociale dei giovani del territorio. Particolarmente intensa fu l’attività svolta sui q.ri popolari Tessera e Giardino, dove significativi furono i progetti nell’ambito musicale e teatrale, con eventi, spettacoli e concorsi. Si ricordano, a tal proposito, cinque edizioni dell’evento “Onde anomale”, festival musicale con relativo concorso per i giovani musicisti del territorio. La musica fu il collante per attivare i giovani in una dimensione costruttiva e creativa per la comunità, la convenzione con una nota sala prove del territorio portò alla produzione di diversi CD musicali con i pezzi delle Band del territorio.

Significativa e delicata fu anche l’attività di sviluppo di comunità al q.re Giardino con la realizzazione di un evento artistico denominato “Cesarte”, concorso di arte espressiva di vario genere dedicata ai giovani.

Sempre in quegli anni prese piede anche il progetto di realizzare una struttura per i giovani del territorio, portata a compimento nel maggio 2009. Oggi questo spazio e  ed è oggetto di un bando pubblico per una nuova assegnazione per la sua gestione.

Ho coordinato il tavolo dell’area minori e giovani del Piano di Zona del sud/ovest milanese. Intenso fu il rapporto con le realtà del terzo settore, delle scuole, delle parrocchie e dei diversi stakeolders del territorio, per produrre attività, servizi ed azioni di prevenzione del disagio socio/economico di famiglie e minori.

Nell’ambito della gestione degli asili nido di particolare rilievo è stato l’avvio delle mense biologiche nei nidi cesanesi, i primi della provincia di Milano. Esempio rarissimo di buona pratica in Italia, anche in relazione all’emergenza “Mucca Pazza” di quegli anni. Negli asili nido comunali infatti non fu sospesa la somministrazione di carne ai bambini.

Sempre in quegli anni fu istituito il servizio Oltre il Nido, una delle esperienze più belle e significative di partecipazione e coinvolgimento delle neo mamme e dei nonni nella gestione del loro bambino, con un attenzione a prevenzione di situazioni di disagio post-partum.

Sempre nello stesso periodo è stata realizzata le certificazione ISO 9001 sui nidi comunali.

Dal 2009 ad oggi svolgo invece il ruolo di assessore alle politiche ambientali.

Il mandato è stato caratterizzato da diversi progetti  realizzati, questi sono illustrati nel dettaglio sul sito casa della sostenibilità.

Di particolare rilievo la realizzazione del Parco Natura, del PAES, del carsharing e del progetto di collegamento ciclo-rurale previsto nell’ambito di EXPO 2015 di prossima realizzazione.


Lascia un commento